Archivi Blog

L’ipocrisia continua: aggiornamenti sul “caso” Almo Nature

22525276_LOGO_ALMO_2011

Sinceramente pensavo (o speravo, a dirla tutta) che Almo Nature dopo la gaffe dello spot anti-sperimentazione (per chi non sapesse di cosa parlo può leggere il mio precedente articolo) si rendesse conto dell’ipocrisia di fondo delle esternazioni fatte.

1184792_606904382684016_552985561_n
E invece… due giorni dopo mi reco nel mio negozio di animali di fiducia (perchè anche noi “assassini” abbiamo animali) e cosa trovo?
Lo stand fuori di Almo Nature con il blocco per la firma della petizione e il volantino.
Non ho potuto fare a meno di prendere un volantino… ed eccomi qui per commentarlo.
Ovviamente come prima cosa vi allego l’interno del volantino, con le opinioni di due scienziati, come il Prof. Bruno Fedi e il Prof. Massenzio Fornasier.

Prima di continuare a leggere l’articolo, potete farvi un’idea già leggendo il volantino.

SA003

 

La prima cosa che ho notato è la differenza di domande poste ai due scienziati. La mia opinione è che per fare un confronto è INDISPENSABILE fare le stesse domande ai due intervistati, e non fare domande scomode ad uno (Fornasier) e domande a favore della sua idea a Fedi.
Ma chi sono questi due scienziati?

Bruno Fedi

Bruno Fedi

Bruno Fedi nasce a Pistoia il 4 marzo del 1934. Laureato in medicina e chirurgia, è specialista in urologia, anatomia patologica, ginecologia, cancerologia, citolgia, flebologia, bioetica. Docente di urologia, è vincitore di un premio dell’ente Fiuggi.
Ha pubblicato oltre 100 lavori scientifici e diversi libri di ecologia e bioetica a carattere divulgativo, tra i quali “L’evoluzione distruttrice”, e “Uccidere per avere”. Vegetariano dal 1977, è tra i soci fondatori dal Movimento Antispecista, membro del direttivo dall’anno della fondazione (2001) e co-autore del “Manifesto per un’etica interspecifica”.

Massenzio Fornasier

Massenzio Fornasier

Massenzio Fornasier si e’ laureato in Medicina Veterinaria nel 1988 presso l’Università di Parma,
Ha ottenuto il titolo di specialista in Scienza e Medicina degli animali da Laboratorio presso l’Università di Milano, e di specialista in Diritto e Legislazione Veterinaria presso l’Universita’ di Parma. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Biotecnologie applicate alle scienze veterinarie e zootecniche presso la Facolta’ di Medicina Veterinaria, Universita’ degli Studi di Milano.
Nel corso della sua carriera professionale ha lavorato presso strutture di ricerca private (Chiesi, Glaxo, Pfizer, Cell Therapeutics) in Italia nel settore della farmacologia e tossicologia preclinica.
Ha partecipato a progetti di ricerca in ambito cardiovascolare, respiratorio, neurologico, oncologico, antiinfettivo per la parte relativa alla valutazione dell’efficacia e sicurezza dei nuovi farmaci, contribuendo alla messa a punto di modelli sperimentali innovativi nelle diverse specie animali.
E’ presidente della SIVAL (Societa’ Italiana Veterinari Animali da Laboratorio) sociata’ federata in ANMVI (Associazione Nazionale dei Medici Veterinari) e rappresentante per l’Italia in FVE (Federazione Europea Veterinari) nella sezione EVERI (European Veterinarian in Education, Research and Industry).
E’ coautore di comunicazioni scientifiche pubblicate su riviste internazionali o presentate a convegni scientifici internazionali e ha organizzato convegni tematici nell’ambito delle Scienze dell’animale da Laboratorio.

Insomma… la differenza è notevole: da una parte un urologo contrario alla Sperimentazione che ha visto solo in modo lato quanto sia indispensabile la SA, dall’altro uno dei maggiori esperti italiani di SA, esperto di veterinaria e farmacologia.

Ma ciò che rende questo volantino una farsa, a mio modo di vedere, sono proprio i contenuti. Analizziamo le domande:

Domande per Bruno Fedi:
1. Il tema della SA è sempre più dibattuto: è nata una nuova coscienza collettiva o si è capito che è inutile?
2. Quindi la SA è inutile perchè non ha una reale capacità predittiva?
3. Se la SA è inutile, a chi giova?
4. Esistono metodi alternativi alla SA?
5. Se le alternative metodologiche risultassero insufficienti, anche limitatamente ad alcuni casi specifici, quale sarebbe la sua posizione in merito?
6. Alcune frange anti-SA paiono mosse da fattori ideologici più che da una reale conoscenza della questione. Questo può costituire un punto debole per il movimento?

Domande per Massenzio Fornasier:
1.Dott. Fornasier, mai come adesso il tema della SA è stato così dibattuto
2. Qual è stata la sua impressione durante i vari confronti con le associazioni protezionistiche
3. La contrapposizione è dunque un approccio fuorviante?
4. Infatti la comunità scientifica non sembra ignorare la questione morale circa la SA
5. Cosa risponde alle polemiche relative all’inutilità della SA?
6. Cosa mi può dire, invece, sulla presunta dannosità sull’uomo di alcuni farmaci testati su animali nella fase pre-clinica?

Come potete notare, dunque, le risposte erano non solo diverse, ma fuorvianti in quanto dirette a far emergere una cosa precisa… cioè la (non vera) inutilità della SA.
Infatti, le domande fatte a Fornasier sono di carattere personale-tecnico, e rispondono alle critiche volte dagli animalisti alla SA, mentre quelle rivolte a Fedi sono praticamente affermazioni, cui bastava (nella maggior parte dei casi) rispondere semplicemente “SI”.

Tra l’altro molte domande sono state poste in modo da far entrare nella testa del lettore due cose precise:
– La SA è inutile
– In alcuni casi è anche dannosa per l’uomo

Queste due affermazioni, oltre ad essere errate, sono per lo più indice di una mal-fede di Almo Nature, che ipocritamente cerca di far passare un messaggio sbagliato, non ponendo le GIUSTE DOMANDE agli intervistati.

Non voglio dirvi cosa pensare, voglio solo dirvi di farvi una vostra idea dopo aver considerato quello che vi ho detto.

Saluti,

MMarans.

worldsoutsidereality

«Scientific journalism is too important to be left to journalists» Richard Dawkins

Cavolate in libertà

Nessuna opera che non abbia un carattere goliardico può essere un capolavoro.

Pianeta Musica

"Nulla più della musica ha il poter di evocare un’atmosfera, di accendere un ricordo, di far rivivere un attimo con intensità. Un frammento di musica, può giungerci all’improvviso, cosi come un profumo, mentre camminiamo per strada, e subito un’ondata di ricordi e emozioni si rovescia su di noi. La musica infatti, ci accompagna in ogni momento e in ogni età, costituisce la colonna sonora del film che è la vita."

Il Ragno

Pensieri di una femminista razionalista

Misiòt!

Di tutto un po'...

Bicocca ERP lab

Cognitive Electrophysiology Lab - University of Milan-Bicocca

profnatale

informatica....mente

Baker Street Boy

Il mare è il cimitero del castello d'If

il pianeta delle scimmie

scienza, ambiente, energia, tecnologia

Lampadinaccesa

Blog Scientifico

La Scienza spiegata... SempliceMente!!!

IlaInn

Conoscere il Cosmetico : è un Dovere!

SempliceMenteScienza

La Scienza spiegata... SempliceMente!!!