Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sul Bosone di Higgs e il suo ruolo?

Come primo articolo “vero”  in questo mio blog, dopo il primo post di presentazione, ho avuto la brillante idea (brillante per me ovviamente!!) di usare una mia vecchia domanda answeriana… in modo da vedere i vostri commenti, le vostre opinioni e poter modificarmi di conseguenza. All’epoca dei fatti (circa 6 mesi fa) c’era nell’aria una sorta di luccichio sfolgorante per la scoperta del fantomatico Bosone di Higgs, notizia che partì la mattina del 4 luglio dal CERN di Ginevra e che si propagò alla velocità della luce in tutto il mondo. In pochi attimi chiunque capiva una base di fisica particellare cominciava ad avere i battiti accelerati per l’emozione, io sinceramente avevo quasi le lacrime… la pietra che teneva la casa costituita dalla nostra fisica era stata osservata per la prima volta. Tutto il Modello Standard in effetti si regge solo se esiste e “funziona” proprio questa particella.

LHC: Foto esterna con mappa dell’acceleratore e foto interna

Quindi scopo di questo post è cercare di spiegare in modo semplice e il più possibile completo il famoso Bosone di Higgs (che d’ora in poi abbrevieremo con BdH per comodità), spiegando i sei punti che ho riportato.

1. Cominciamo col tanto rinomato nome di “Particella di DiO”.
In realtà era il titolo di un libro di Leon Lederman… “The Goddamn Particle: If the Universe Is the Answer, What Is the Question?”.
L’editore pensava che il libro non avrebbe venduto abbastanza copie… allora cambiò “Goddamn” (dannata) con “God” (Dio).
Fu un successone ed il BdH prese questo “soprannome”, ma non c’entra nulla con un ipotetico dio, ne con l’esistenza o meno dello stesso.

L'editore cambiò "Goddam" (dannata) in "God" (Dio)... e fu subito successo!

L’editore cambiò “Goddam” (dannata) in “God” (Dio)… e fu subito successo!

2. Una domanda che sorge spontanea è: “Che ci facciamo col BdH??”
Per i “comuni mortali” non cambia assolutamente nulla…
Per gli scienziati, o meglio, per gli scienziati che studiano le particelle sub-atomiche si apre un mondo.
Il fatto che attualmente non esista una applicazione di tale scoperta non significa che non abbia senso studiare questi argomenti.
Per esempio il navigatore GPS deve correggere la posizione che trova mediante degli algoritmi che tengono conto della curvatura spazio-tempo, anche se può sembrare assurdo. Quindi l’importante è far andare avanti il progresso… l’utilità poi si troverà!

3. Perchè è così difficile parlare del BdH?
Si parla di meccanica quantistica, e non è che non la voglia spiegare, ma è realmente complessa.. più che altro è illogica. Quando si va nell’infinitesimamente piccolo infatti, cambiano le regole che conosciamo a livello macroscopico. Solo per capire la complessità e la “magia” della MQ, se spari una “pallina” (elettrone) contro un muro (di potenziale), hai una certa probabilità che la pallina ricompaia dall’altra parte del muro… ma senza attraversarlo fisicamente… molti transistor (con cui funzionano i microchip dei cellulari o dei PC) funzionano in questo modo. Inoltre considerate che arrivati ad un livello così alto, non basta solo capire di fisica, ma più che altro essere davvero bravi in matematica.

Effetto Tunnel

Macro e Micro: Effetto Tunnel

4. La mancata osservazione del BdH a cosa avrebbe portato?
la mancata osservazione del bosone di Higgs avrebbe portato ad un paradosso.
Se infatti eliminiamo questa particella, alcuni fenomeni hanno probabilità maggiore di 1 (cioè superiore del 100%) … il che è assurdo.
Inoltre la mancata osservazione del BdH, o la “conferma della sua non esistenza” avrebbe fatto crollare il Modello Standard, cioè la Teoria sulla quale si basa tutta la fisica moderna… Dovevamo praticamente “quasi rifondare” la fisica degli ultimi 100 anni. In questo modo viene completata l’osservazione di tutte le particelle descritte nel Modello Standard, e scusate se è poco!!

In poche parole, il Modello Standard descrive la realtà come composta da 3 grandi famiglie: Quark, che formano neutroni e protoni, che sono i componenti dei nuclei, i Leptoni, che sono particelle che servono a “normalizzare” il nucleo (per esempio gli elettroni che girano intorno ai nuclei a formare gli atomi sono leptoni) e le Forze che creano le interazioni tra le particelle, tenendole insieme o distanziandole. In tutto questo il Bosone di Higgs è la particella che in qualche modo tiene tutto insieme.

Modello Standard: Quark, Leptoni e Forze, con dietro tutto il Bosone di Higgs
Modello Standard: Quark, Leptoni, Forze e il Bosone di Higgs che tiene tutto insieme

5. Si può intuire cosa è e come si comporta il BdH?
Ci sono 4 forze nell’universo.
Interazione forte (che tiene insieme il nucleo degli atomi)
Interazione debole (che tiene assieme i quark, di cui sono fatti neutroni e protoni)
interazione elettromagnetica (che tiene insieme gli atomi)
Interazione gravitazionale (cioè la gravità)
Praticamente ogni interazione si basa sulla correlazione che avviene tra le “palline” di cui è fatta la materia.
Durante questa interazione viene emessa o assorbita un’altra particella, che fa da mediatore per l’interazione. Per esempio il mediatore per la forza elettromagnetica è il fotone, che è il componente della luce.
Il bosone di Higgs diciamo che è il responsabile (non direttamente in realtà) dell’interazione gravitazionale.
In pratica è la particella che spiega nel Modella Standard (MS) l’interazione gravitazionale.
Immaginate una panettone… se ogni candito o uvetta è una particella subatomica, il BdH rappresenta la forza (il campo) che tiene insieme queste particelle, dotando loro una massa.
E’ una particella che genera una melassa in cui stanno le altre particelle. Questo avviene “donando” loro una massa.

La questione in realtà è molto più complessa di come sembra, basta vedere l’immagine qui sotto…

Particelle elementari e interazioni

Particelle elementari e interazioni

In modo più semplice ancora immaginiamo tre nuotatori in una piscina. L’acqua che riempie la piscina è il campo di Higgs. In questa piscina ci sono tre nuotatori. Il primo nuota con una palla da ping pong fra le mani tesa davanti a se. L’acqua di fronte a lui mentre nuota offrirà poca resistenza (Particelle di massa molto piccola o zero:Fotoni, elettroni).
Il secondo invece nuota con una palla da basket, con una resistenza maggiore rispetto alla pallina da ping pong (Particelle di massa media: Muoni). Il terzo nuota con tre palloni da basket, davanti a se (Particella di grande massa: Quark top). Questa maggiore o minore interazione è ciò che chiamiamo “massa”.

Esempio della piscina per spiegare in modo semplice il comportamento del Bosone di Higgs

Esempio della piscina per spiegare in modo semplice il comportamento del Bosone di Higgs

6. Ci sono ancora cose da scoprire dopo il BdH?
Naturalmente. Il BdH è stato solo osservato, ma bisogna comprenderne le proprietà e le caratteristiche… per esempio bisogna capire perchè ha una massa enorme (circa 100 volte quella dei protone e dei neutroni).
Poi ci sono ancora altre particelle da osservare, come i gravitoni (i reali mediatori della forza gravitazionale) o i tachioni… ma piano piano ci si arriverà.

Con quest’ultima affermazione chiudo il mio primo post. Spero che vi sia piaciuto, o che quantomeno sia risultato semplice da comprendere. Purtroppo è sempre difficile spiegare concetto così complessi in poco tempo e in modo semplice. Spero che con gli ultimi due esempi la questione sul comportamento e lo scopo dell’esistenza del Bosone di Higgs sia oramai alla portata di tutti. Dai prossimi articoli comincerò a parlare di cose più “terra terra”… in modo da poter essere veramente utile a chi avrà il piacere di seguirmi!

Saluti,

MMarans.

 

PS: Ogni commento, opinione o suggerimento sarà utile per migliorare me stesso e il blog.

Annunci

Pubblicato il 3 gennaio 2013, in Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. FigliodellaTerra

    Aspetta… una cosa che non ho mai capito:
    Come fanno ad esistere i fotoni se hanno massa = 0?
    Non erano di massa trascurabile??
    D:

    Davvero è dalla 4 liceo che mi interrogo su questo dilemma!!

    • Il fotone ha massa “di riposo” nulla. Cioè è in effetti privo di massa. Possiede massa nel momento in cui si muove, secondo la famosa legge di Einstein E=mc². Comunque si parla di massa dinamica molto bassa, quasi trascurabile. Anche se ufficialmente per massa di un corpo si intende quella di riposo, che come dicevo per il fotone è nulla.

  2. FigliodellaTerra

    va be… ho capito che la fisica non fa per me…XD

    Meglio se torno a studiare scienze psicologiche… XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

worldsoutsidereality

«Scientific journalism is too important to be left to journalists» Richard Dawkins

Cavolate in libertà

Nessuna opera che non abbia un carattere goliardico può essere un capolavoro.

Pianeta Musica

"Nulla più della musica ha il poter di evocare un’atmosfera, di accendere un ricordo, di far rivivere un attimo con intensità. Un frammento di musica, può giungerci all’improvviso, cosi come un profumo, mentre camminiamo per strada, e subito un’ondata di ricordi e emozioni si rovescia su di noi. La musica infatti, ci accompagna in ogni momento e in ogni età, costituisce la colonna sonora del film che è la vita."

Il Ragno

Pensieri di una femminista razionalista

Misiòt!

Di tutto un po'...

Bicocca ERP lab

Cognitive Electrophysiology Lab - University of Milan-Bicocca

profnatale

informatica....mente

Baker Street Boy

Il mare è il cimitero del castello d'If

il pianeta delle scimmie

scienza, ambiente, energia, tecnologia

Lampadinaccesa

Blog Scientifico

La Scienza spiegata... SempliceMente!!!

IlaInn

Conoscere il Cosmetico : è un Dovere!

SempliceMenteScienza

La Scienza spiegata... SempliceMente!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: